Chi se ne va che male fa…

… E’ il dolore di chi resta, dai lutti di Genova, delle Cinque Terre, di Roma e di Barletta a quelli dell’Abruzzo, di Giampilieri, ma anche quei lutti che hanno meno cassa di risonanza e che purtroppo fanno parte della vita.

La domanda è sempre: – SI SAREBBE POTUTO FARE DI Più? – e ancora – AVREI POTUTO FARE DI Più?

Anche quando è indiscutibile che non si sarebbe comunque potuto cambiare il corso degli eventi, quando qualcuno se ne va, al dolore si accompagna sempre un vago senso di colpa: colpevoli di non aver dato il massimo, colpevoli di essere rimasti.

I giochi della mente umana non sono mai decifrabili, soprattutto quando annebbiati dal dolore, dal senso di impotenza, dalla tristezza, dalla rabbia.

Per molto tempo io ho provato disagio ad alzare gli occhi al cielo, ho avuto imbarazzo a continuare, perché di questo si tratta, di un penoso ossimoro: di vuoti che ingombrano.

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: